Wednesday, March 2, 2011

Milena Velba In Girdle

CARD. SCHERER: LE PARROCCHIE ADOTTINO UN NUOVO ATTEGGIAMENTO Serve una “conversione pastorale e missionaria”


Alexandre Ribeiro



SAN PAOLO, martedì, 1° marzo 2011 (ZENIT.org).- Le parrocchie “devono mettere in pratica, come chiede la Chiesa, una decisa 'conversione pastorale e missionaria' delle loro persone, organizzazioni e strutture pastorali”, ha affermato l'Arcivescovo di San Paolo (Brasile), il Cardinale Odilo Scherer.

L'Arcidiocesi di San Paolo ha diffuso in questi giorni la Lettera Pastorale “Parrocchia, diventa ciò che sei”, firmata da monsignor Scherer e consegnata al clero il 15 febbraio.

“Vogliamo chiederci come sta la nostra parrocchia e che cosa si può fare perché sia una vera comunità di discepoli missionari di Gesù Christ, "said the cardinal, as reported by an article published in the archdiocesan magazine" O São Paulo. "

"The parish is the local expression and concrete is what the Church as a whole. In the parish, the Church manifests perceptible his life and his mission. "

"It 's an organized community of the baptized, of spiritual, symbolic and material, of organizations and initiatives that make the Church to act in a particular space and environment," said the cardinal.

If the parish is fine, he said, "the Church also works there, and if the parish goes wrong, there the Church does not."

“Se le parrocchie non vivessero bene la loro identità e la loro missione come comunità vive e dinamiche, la Chiesa potrebbe essere ridotta a una serie di strutture, istituzioni e organizzazioni, senza arrivare alle persone concrete”.

Per questo, monsignor Scherer sostiene che il rinnovamento della parrocchia “è essenziale”.

In primo luogo, propone “una profonda presa di coscienza di ciò che dà senso all'esistenza della parrocchia e di ciò che è chiamata ad essere. Se vista con gli occhi della fede ecclesiale, la parrocchia è una realtà bella, benedetta e preziosa”.

“Abbiamo bisogno di fare alcuni passi per superare la preoccupazione relativa al mantenimento di ciò che siamo e abbiamo”.

“E' necessario adottare un nuovo atteggiamento, che traduca un chiaro obiettivo missionario”, ha aggiunto.

Ben più che una realtà giuridica e burocratica, la parrocchia “è il volto più visibile e concreto del Mistero della Chiesa, 'sacramento della salvezza' nel mondo; è una comunità di fedeli riuniti nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, che vive la fede, la speranza e la carità”.

“E' unita intorno a Cristo, presente sacramentalmente nell'Eucaristia e negli altri sacramenti, nella Parola di Dio proclamata e accolta con fede, nei poveri, the sick and the suffering and every person served with love, in the name of Christ. "

The Eucharistic assembly is the most visible expression of the Church, gathered today around Jesus Christ Savior, Lord and Shepherd of the Church, represented by an ordained minister, who is at the center of it and its drive to serve and lead in charity. "

In the parish, said the Cardinal, "the whole Church expresses and realizes the mission received from Christ, announce and welcome the Word of God, witness the new life received in Baptism, seeking holiness, pastoral love live on example and in the name of Jesus, the Good Shepherd. "

The parish is the missionary community of the disciples of Christ in the world. It 's a community of small communities, families, individuals, groups, organizations and institutions which testify to the diversity, richness and beauty of God's gifts and serve the mission received from Christ. "

The parish, Cardinal Scherer concludes, "is the Church 'the base', living cell of the Body of Christ, where the majority of the baptized has the chance to experience real encounter with Christ and ecclesial communion ".


0 comments:

Post a Comment